Apprendiamo che Ester Castano, la coraggiosa giornalista ventenne le cui inchieste hanno portato allo scioglimento del Comune di Sedriano, sarebbe stata utilizzata dalla redazione di Presa Diretta per realizzare più di un servizio nella puntata di ieri, “Il Tesoro della Mafia“. Non solo era stata registrata un’intervista video, in cui Ester spiegava per filo e per segno tutto quello che era accaduto, ma quei fatti e le sue inchieste di due anni sono state utilizzate per ricostruire la vicenda nel servizio, censurandola però in video e non citandola nemmeno di striscio per tutta la puntata.

E’ una vergogna da qualsiasi punto di vista la si guardi: è così che si aiutano i giornalisti precari in trincea contro le mafie? Ester non solo è disoccupata e fa mille lavori per sbarcare il lunario, ma ha subito negli ultimi due anni pesanti intimidazioni e minacce. Il tempo le ha dato ragione, ma la grande stampa (e i grandi giornalisti) troppo spesso si ricordano di queste vicende solo quando c’è la storia che può fare audience. In questo caso l’audience lo faceva, ma evidentemente pareva brutto riconoscere il merito di una giovane giornalista di 20 anni, sottolineando quindi l’incompetenza di chi ha scoperto solo da poco la realtà delle mafie in Lombardia.

La redazione di WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie esprime tutta la propria solidarietà ad Ester Castano, vittima delle solite logiche. Ci sorprende che una tale carognata sia arrivata proprio da Riccardo Iacona.

WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie