Summit di Montalto

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Versione del 23 nov 2015 alle 23:23 di Ilfrancese (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Qui non c’è ‘ndrangheta di Mico Tripodo, non c’è ‘ndrangheta di ‘Ntoni Macrì, non c’è ‘ndrangheta di Peppe Nirta: si dev’essere tutti uniti. Chi vuole stare sta e chi non vuole se ne va
(Giuseppe Zappia)[1]


Il summit di Montalto è stato un vertice di 'ndrangheta organizzato per unificare il Nord e il Sud ed omogeneizzare le cariche del "Vangelo" tra gli appartenenti alla ‘ndrangheta calabrese e quelli presenti nel Nord Italia, si dava per certa la partecipazioni dei più alti rappresentanti della ‘Ntrangheta di quel tempo (vengono citati “Ntoni U Rampinu”, l’anziano e defunto capomafia del Locale di San Luca; Antonio Romeo inteso “U Staccu”; Antonio Macrì da Siderno; Antonio Romeo da San Luca; Domenico Tripodo da Sambatello di Reggio Calabria, Carmelo Novella)[2]


Note

  1. Citato in Ciconte Enzo, 'Ndrangheta Padana, Soveria Mannelli, Rubettino, 2010
  2. Regione Carabinieri “Lombardia”, Gruppo di Monza, Nucleo Investigativo, Indagine Infinito, pag.124

Bibliografia