L’assemblea regionale siciliana (ARS) ha bocciato la norma che estendeva la decadenza dal vitalizio anche per condannati per mafia, con 33 voti contrari e solo 18 favorevoli. La norma era stata presentata dal Movimento Cinque Stelle e controfirmata dal vicepresidente dell’Antimafia, Fabrizio Ferrandelli (Pd). Il governo siciliano, presieduto da Rosario Crocetta, aveva dato parere contrario, mentre la commissione Bilancio si era espressa a favore. Salvo quindi il vitalizio dell’ex-presidente della regione e senatore Totò Cuffaro, attualmente in carcere per mafia.