AGGIORNAMENTO: LA RISPOSTA DI ENZO IACOPINO

Al Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Sicilia, Riccardo Arena
p.c. al Presidente Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Enzo Iacopino

Gentile Presidente,
stamattina abbiamo appreso da Antonio Roccuzzo, Claudio Fava e Michele Gambino sul Fatto Quotidiano la notizia che Riccardo Orioles, direttore de “I Siciliani Giovani” della cui rete facciamo parte, ha rischiato di essere radiato dall’Ordine dei Giornalisti della Sicilia perché non in regola con le quote di iscrizione. La sanzione sarebbe stata sospesa per sei mesi, lasso di tempo concesso ad Orioles per sanare il debito con l’Ordine, pari a 1384 euro.

Le confessiamo, gentile Presidente, di essere letteralmente cascati giù dalla sedia per l’indignazione e lo sgomento di fronte a una reazione del genere da parte dell’Ordine che lei presiede: non dobbiamo star qui a ricordare tutte le volte in cui Riccardo Orioles ha onorato la professione di giornalista nei suoi oltre 40 anni di attività, lo hanno fatto già molti altri. Ci teniamo però a ricordare il suo non tirarsi mai indietro di fronte ad ogni battaglia per difendere la libertà e la dignità delle persone contro la mafia, facendo nomi e cognomi quando la cultura dominante ne negava addirittura l’esistenza. Quello che Riccardo Orioles ha fatto in questi anni è stato servire un’idea di giornalismo che fosse libero da padroni, fondato sui fatti e alla continua ricerca della verità.

Non ha le disponibilità economiche per pagare la quota di iscrizione annuale al vostro Ordine, e fino a due mesi fa non aveva alcun reddito, oggi rappresentato da una pensione minima. Un uomo con la sua penna avrebbe potuto fare gran carriere in giornali nazionali in tutti questi anni, guadagnando fior di quattrini, invece ha preferito servire una Causa più nobile e un’idea di giornalismo diversa. Deve rischiare la radiazione per questo?

Mentre le scriviamo abbiamo saputo che Don Luigi Ciotti sanerà personalmente il debito di Orioles, quindi l’Ordine rientrerà del debito e il “caso” sembra essere rientrato. Ma se noi stiamo a scriverle ora è per chiederle di concedere la tessera “ad honorem a Riccardo Orioles, per i suoi indiscussi meriti sul campo e per l’attività che ha svolto negli ultimi 40 anni. L’Ordine nazionale e le sue diramazioni regionali ne hanno già conferite parecchie, basti ricordare quella a Ugo Stille (grazie alla quale poté ricoprire la carica di Direttore del Corriere della Sera, poiché essendo americano e per anni inviato negli USA non era mai stato iscritto) o a Pif, che l’ha ottenuta per motivi analoghi a quelli per cui potrebbe averla Orioles, che però è anche un maestro del giornalismo italiano.

Il conferimento della tessera ad honorem, oltre ad essere un giusto riconoscimento ad Orioles, sarebbe anche un premio a quell’idea di giornalismo praticata da tanti giovani cronisti, la stragrande maggioranza dei quali precari e senza tutele, che quotidianamente si batte contro quel coacervo di interessi mafiosi che soffocano la libertà e la democrazia di questo Paese.

Siamo sicuri che non avrà alcuna difficoltà a convincere della bontà di questa richiesta anche i suoi colleghi coinvolti nella decisione. Aspettiamo fiduciosi un suo riscontro e nel frattempo le auguriamo buon lavoro,

i ragazzi di WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie

***

Firma anche tu l’Appello

#PaghiamoNoi, ma Orioles diventi giornalista ad honorem

Al Presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Sicilia, Riccardo Arena
p.c. al Presidente Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti, Enzo Iacopino

Gentile Presidente,
apprendiamo da Antonio Roccuzzo, Claudio Fava e Michele Gambino la notizia che Riccardo Orioles, direttore de "I Siciliani Giovani" della cui rete facciamo parte, rischia di essere radiato dall'Ordine dei Giornalisti della Sicilia perché non in regola con le quote di iscrizione. La pena sarebbe stata sospesa per sei mesi, lasso di tempo concesso ad Orioles per sanare il debito con l'Ordine, pari a 1384 euro.

Le confessiamo, gentile Presidente, di essere letteralmente cascati giù dalla sedia per l'indignazione e lo sgomento di fronte a una reazione del genere da parte dell'Ordine che lei presiede: non dobbiamo star qui a ricordare tutte le volte in cui Riccardo Orioles ha onorato la professione di giornalista nei suoi oltre 40 anni di attività, lo hanno fatto già molti altri. Ci teniamo però a ricordare il suo non tirarsi mai indietro di fronte ad ogni battaglia per difendere la libertà e la dignità delle persone contro la mafia, facendo nomi e cognomi quando la cultura dominante ne negava addirittura l'esistenza. Quello che Riccardo Orioles ha fatto in questi anni è stato servire un'idea di giornalismo che fosse libero da padroni, fondato sui fatti e alla continua ricerca della verità.
Non ha le disponibilità economiche per pagare la quota di iscrizione annuale al vostro Ordine, e fino a due mesi fa non aveva alcun reddito, oggi rappresentato da una pensione minima. Un uomo con la sua penna avrebbe potuto fare gran carriere in giornali nazionali in tutti questi anni, guadagnando fior di quattrini, invece ha preferito servire una Causa più nobile e un'idea di giornalismo diversa. Deve rischiare la radiazione per questo?

E' giusto che l'Ordine riceva gli arretrati che gli spettano e abbiamo deciso di pagarli noi, facendo una raccolta fondi per mettere insieme i 1384 euro necessari. Ma se noi stiamo a scriverle ora è per chiederle di concedere la tessera "ad honorem" a Riccardo Orioles. L'Ordine nazionale e le sue diramazioni regionali ne hanno già conferite parecchie, basti ricordare quella a Ugo Stille (grazie alla quale poté ricoprire la carica di Direttore del Corriere della Sera, poiché essendo americano e per anni inviato negli USA non era mai stato iscritto) o a Pif, che l'ha ottenuta per motivi analoghi a quelli per cui potrebbe averla Orioles, che però è anche un maestro del giornalismo italiano.
Siamo sicuri che, saldato il debito, non avrai alcuna difficoltà a convincere della bontà di questa richiesta anche i tuoi colleghi coinvolti nella decisione. Aspettiamo fiduciosi un tuo riscontro e nel frattempo ti auguriamo buon lavoro,

Pierpaolo Farina, Francesco Moiraghi
e tutti i ragazzi di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie

[signature]

Firma

Condividi con i tuoi amici:

   


Ultime firme
stefania mattettiApr 06, 2017
Francesco BripiMar 18, 2017
Claudio PaudiceGen 16, 2017
francesca marzili paceGen 13, 2017
giuseppe pozzoGen 06, 2017
Diego Juri TajèGen 04, 2017
Nicola PollinaDic 31, 2016
PAOLA DE MUNARIDic 29, 2016
Pasquale GiordanoDic 29, 2016
Victor MatteucciDic 27, 2016
Laura MaragnaniDic 26, 2016
Tullio SartiDic 26, 2016
ivana sciaccaGen 03, 2016
Pietro SuberDic 20, 2015
Ruggero MegazziniNov 10, 2015
Enrico OrtensiNov 08, 2015
Marcella SchirosaNov 08, 2015
Andrea SciutoNov 07, 2015
Immacolata PolliceNov 04, 2015
giacomo bossiOtt 31, 2015
silvana RevelantOtt 30, 2015
anna maria di quartoOtt 26, 2015
Maria Bambina BrioschiOtt 26, 2015
Roberto BertoliOtt 21, 2015
Rosaria MagnisiOtt 19, 2015
cecile LandmanOtt 17, 2015
Lone NordlyOtt 17, 2015
sara doniniOtt 16, 2015
Antonio NeseOtt 15, 2015
salvatore spadaroOtt 15, 2015
Rosa Alba RicciardiOtt 14, 2015
roberto di giovan paoloOtt 14, 2015
cristiana guccinelliOtt 14, 2015
Stefano IntorreOtt 14, 2015
barbara scaramucciOtt 14, 2015
VINCENZO ADORNETTOOtt 13, 2015
Rocco LentiniOtt 13, 2015
luca giannelliOtt 13, 2015
Claudio FavaOtt 13, 2015
Rosario LanzaOtt 13, 2015
Elena BrancatiOtt 13, 2015
Massimiliano di BellaOtt 11, 2015
Valentina giusti Ott 11, 2015
raffaella dirosaOtt 11, 2015
Stefano MuscianisiOtt 11, 2015
pasquale mugnanoOtt 11, 2015
Antonella PagnanelliOtt 10, 2015
Marcello PreiteOtt 10, 2015
Marisa BartolettiOtt 10, 2015
Fabio TracuzziOtt 10, 2015

***

articolo fava roccuzzo gambino su orioles

L’articolo sul Fatto Quotidiano, pubblicato da Claudio Fava sulla sua pagina Facebook