Differenze tra le versioni di "Calogero Morreale"

Da WikiMafia.
Jump to navigation Jump to search
(Creata pagina con "{{espandere}} '''Calogero “Lillo” Morreale''' (N.D. - Roccamena (PA), 18 luglio 1975) è stato il segretario della sezione socialista di Roccamena e responsabile...")
 
m
 
Riga 2: Riga 2:


'''Calogero “Lillo” Morreale''' (N.D. - Roccamena (PA), [[18 luglio]] [[1975]]) è stato il  
'''Calogero “Lillo” Morreale''' (N.D. - Roccamena (PA), [[18 luglio]] [[1975]]) è stato il  
segretario della sezione socialista di Roccamena e responsabile dell'Alleanza contadini. Venne ucciso per aver sospettato imbrogli riguardo ai lavori per l'invaso Garcia, che avrebbero favorito potenti famiglie siciliane.
segretario della sezione socialista di Roccamena e responsabile dell'Alleanza contadini. Vittima innocente di Cosa Nostra.
 
== Biografia ==
Venne ucciso per aver sospettato imbrogli riguardo ai lavori per l'invaso Garcia, che avrebbero favorito potenti famiglie siciliane.  


==Indagini e Processi==
==Indagini e Processi==
Riga 9: Riga 12:


La mancanza della sentenza, ha, inoltre, reso impossibile il riconoscimento a Calogero Morreale, da parte dello Stato, di “Vittima della mafia”.
La mancanza della sentenza, ha, inoltre, reso impossibile il riconoscimento a Calogero Morreale, da parte dello Stato, di “Vittima della mafia”.
 
[[Categoria:Politici]]
[[Categoria:Vittime innocenti delle mafie]] [[Categoria:Vittime di Cosa Nostra]] [[Categoria:Morti il 18 luglio]] [[Categoria:Morti nel 1975]] [[Categoria:Vittime senza giustizia]]
[[Categoria:Vittime innocenti delle mafie]] [[Categoria:Vittime di Cosa Nostra]] [[Categoria:Morti il 18 luglio]] [[Categoria:Morti nel 1975]] [[Categoria:Vittime senza giustizia]]

Versione attuale delle 16:03, 30 nov 2021


Calogero “Lillo” Morreale (N.D. - Roccamena (PA), 18 luglio 1975) è stato il segretario della sezione socialista di Roccamena e responsabile dell'Alleanza contadini. Vittima innocente di Cosa Nostra.

Biografia

Venne ucciso per aver sospettato imbrogli riguardo ai lavori per l'invaso Garcia, che avrebbero favorito potenti famiglie siciliane.

Indagini e Processi

Ad oggi non conosciamo ancora la verità su quest'omicidio: l'allora giudice istruttore Paolo Borsellino, così scriveva la sentenza che archiviava le accuse di favoreggiamento nei confronti di tre potenziali testimoni: «A causa della sua intensa attività politico-amministrativa, espletata in un ambiente sociale ove i privati interessi vengono prepotentemente difesi da parte degli interessati a discapito del bene pubblico e in acerrimo conflitto con loro, Calogero Morreale aveva per certo con numerosi individui e nuclei familiari notevoli ragioni di contrasto, in special modo con riferimento alla regolamentazione dell'attività urbanistico-edilizia e alla promozione di attività cooperativistiche, delle quali s'era di recente ampiamente interessato”.


La mancanza della sentenza, ha, inoltre, reso impossibile il riconoscimento a Calogero Morreale, da parte dello Stato, di “Vittima della mafia”.