Differenze tra le versioni di "Emanuela Loi"

Da WikiMafia.
Jump to navigation Jump to search
m
 
Riga 12: Riga 12:
* [[Paolo Borsellino]]
* [[Paolo Borsellino]]


[[Categoria:Poliziotti]] [[Categoria:Forze dell'Ordine]] [[Categoria:Vittime innocenti delle mafie]] [[Categoria:Vittime di Cosa Nostra]] [[Categoria:Nati il 9 ottobre]] [[Categoria:Nati nel 1967]] [[Categoria:Morti il 19 luglio]] [[Categoria:Morti nel 1992]]
[[Categoria:Poliziotti]] [[Categoria:Forze dell'Ordine]] [[Categoria:Donne Vittime di mafia‎]] [[Categoria:Vittime innocenti delle mafie]] [[Categoria:Vittime di Cosa Nostra]] [[Categoria:Nati il 9 ottobre]] [[Categoria:Nati nel 1967]] [[Categoria:Morti il 19 luglio]] [[Categoria:Morti nel 1992]]

Versione attuale delle 11:00, 12 mar 2020

Emanuela Loi (Sestu, 9 ottobre 1967 – Palermo, 19 luglio 1992) è stata un'agente della Polizia di Stato italiana, morta nella Strage di via D'Amelio; fu la prima agente donna della Polizia di Stato a restare uccisa in servizio.

Emanuela Loi

Biografia

Conseguita la maturità magistrale, Emanuela entrò nella polizia di Stato nel 1989, frequentando il 119° corso presso la Scuola Allievi Agenti di Trieste. Nel 1991 venne trasferita a Palermo e assegnata alla scorta di Paolo Borsellino: il 19 luglio 1992 morì in servizio nella Strage di Via d'Amelio, insieme ai colleghi Walter Eddie Cosina, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

Bibliografia

  • Sito della Polizia di Stato

Voci Correlate