Differenze tra le versioni di "Antonio Macrì"

Jump to navigation Jump to search
Riga 55: Riga 55:


=== I rapporti con Cosa Nostra ===
=== I rapporti con Cosa Nostra ===
Il potente boss sidernese fu in rapporti con esponenti di spicco del clan dei Corleonesi di Cosa Nostra come Luciano Leggio e Michele Navarra (spedito al confino a Marina di Gioiosa Ionica negli anni ’50), Salvatore Riina e Bernardo Provenzano. Quanto avvenuto nella strage di Locri nel 1967, fu la conferma delle relazioni intessuta tra Macrì e gli uomini di Cosa Nostra, infatti, ad aprire il fuoco contro furono i due sicari siciliani originari di Bagheria: Antonio Di Cristina (fratello di Giuseppe Di Cristina, detto ‘Il tigre’) e Tommaso Scaduto. Tra le due organizzazioni, vigevano degli accordi sul commercio delle sigarette da contrabbando.
'''Secondo un rapporto inviato a Giovanni Falcone da Giovanni De Gennaro, Antonio Macrì, insieme ad altri boss prestigiosi del reggino erano affiliati oltre che alla ‘ndrangheta, anche a Cosa Nostra''', ciò era segno dell’affidabilità e della caratura mafiosa dei calabresi.


== La prima guerra di 'ndrangheta ==
== La prima guerra di 'ndrangheta ==
250

contributi

Menu di navigazione