Differenze tra le versioni di "Angelo Siino"

Jump to navigation Jump to search
477 byte aggiunti ,  16:42, 27 nov 2021
m
nessun oggetto della modifica
m
 
Riga 1: Riga 1:
'''Angelo Siino''' (San Giuseppe Jato, [[22 marzo]] [[1944]] - N.D., [[31 luglio]] [[2021]]) è stato un mafioso e collaboratore di giustizia italiano. Fu noto negli anni '80 del Novecento come il "''ministro dei lavori pubblici di [[Cosa Nostra|Cosa nostra]]''", in quanto ambasciatore di [[Totò Riina]] in Sicilia ovunque si spartissero appalti pubblici. Era soprannominato anche ''Bronson'', per la sua somiglianza col celebre attore Charles Bronson.
[[File:Angelo siino.jpg|alt=Angelo Siino|miniatura|300x300px|Angelo Siino]]
[[File:Angelo siino.jpg|alt=Angelo Siino|miniatura|300x300px|Angelo Siino]]
'''Angelo Siino''' (San Giuseppe Jato, [[22 marzo]] [[1944]] - N.D., [[31 luglio]] [[2021]]) è stato un mafioso e collaboratore di giustizia italiano. Fu noto negli anni '80 del Novecento come il "''ministro dei lavori pubblici di [[Cosa Nostra|Cosa nostra]]''", in quanto ambasciatore di [[Totò Riina]] in Sicilia ovunque si spartissero appalti pubblici. Era soprannominato anche ''Bronson'', per la sua somiglianza col celebre attore Charles Bronson.


==Biografia==
==Biografia==
===I primi anni===
===I primi anni===
Nato a San Giuseppe Jato, Angelo Siino era nipote di '''Giuseppe Celeste''', capomafia di San Cipirello, ucciso a 39 anni in un agguato organizzato dal rivale Peppe Cuccia, «un «marrano» di Piana degli Albanesi, che era geloso del prestigio»<ref>Mafia. Vita di un uomo di mondo, p. 9.</ref>. Sua nonna, Maria Di Maggio, era anch'essa erede di un'antica famiglia di mafia. Sin da piccolo, il giovane si sentiva ripetere dalla nonna e dalla madre, Antonia, che il nonno doveva essere vendicato.  
Nato a San Giuseppe Jato, Angelo Siino era nipote di '''Giuseppe Celeste''', capomafia di San Cipirello, ucciso a 39 anni in un agguato organizzato dal rivale Peppe Cuccia, «un «marrano» di Piana degli Albanesi, che era geloso del prestigio»<ref>Mafia. Vita di un uomo di mondo, p. 9.</ref>. Sua nonna, Maria Di Maggio, era anch'essa erede di un'antica famiglia di mafia. Sin da piccolo, il giovane si sentiva ripetere dalla nonna e dalla madre, Antonia, che il nonno doveva essere vendicato.  
Riga 90: Riga 89:
==Bibliografia==
==Bibliografia==
*Siino, Angelo, Galasso, Alfredo (2017). ''Mafia. Vita di un uomo di mondo'', Milano, Ponte delle Grazie.
*Siino, Angelo, Galasso, Alfredo (2017). ''Mafia. Vita di un uomo di mondo'', Milano, Ponte delle Grazie.
{{#seo:
|site_name=WikiMafia
|keywords=angelo siino, ministro lavori pubblici cosa nostra, tavolino cosa nostra, mafia, antimafia, wikimafia, collaboratori di giustizia, pentiti
|description=Angelo Siino (San Giuseppe Jato, 22 marzo 1944 - N.D., 31 luglio 2021) è stato un mafioso e collaboratore di giustizia italiano, noto come il ministro dei lavori pubblici di Cosa nostra in Sicilia.
|image=File:Angelo siino.jpg
|image_alt=Angelo Siino
|type=website
|section=Pentiti
}}


[[Categoria:Mafiosi]]  
[[Categoria:Mafiosi]]  
[[Categoria:Pentiti]]
[[Categoria:Pentiti]]

Menu di navigazione