Antonino Fava

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Antonino Fava (15 dicembre 1957, Taurianova - Scilla (RC), 18 gennaio 1994) è stato un appuntato dell'Arma dei Carabinieri in servizio al Nucleo Radiomobile della Compagnia di Palmi. Venne ucciso assieme al collega Vincenzo Garofalo con colpi di kalashnikov sparati da un commando di 'ndranghetisti su commissione di Cosa Nostra.

Biografia

Giovane carabiniere calabrese, sposato con figli, Medaglia d'Oro al Valor Militare. Il 18 gennaio del 1994 partecipò col collega Vincenzo Garofalo al convoglio di scorta di cinque magistrati messinesi diretti a Reggio Calabria per interrogare il boss Antonio Sparacio dichiaratosi pentito. Antonino ricevette l'ordine di pattugliare la zona in attesa dell'uscita dei giudici. Durante il pattugliamento, verso le 23:00, l'auto dei carabinieri sull'autostrada Salerno-Reggio Calabria fu raggiunta da un commando di 'ndranghetisti che iniziarono a sparare colpi di kalashnikov e mitraglia uccidendo sul colpo Antonino e il collega Vincenzo Garofalo.

Bibliografia

  • Sito Web dell’Arma dei Carabinieri
  • Bruno Tucci, La strage mentre il pentito parlava, il Corriere della Sera, 20 gennaio 1994