Antonino Peri

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Antonino Peri (Palermo, N.D. – Palermo, 6 giugno 1982) è stato un ex-carabiniere in pensione, vittima innocente di Cosa Nostra.

Biografia

Antonino Peri il giorno in cui fu ucciso ebbe la sfortuna di tamponare in Via Grandi, nel quartiere Sperone, l'auto di Pietro Senapa e Antonino Marchese, killer di Cosa Nostra che trasportavano a bordo della loro auto Carmelo Lo Iacono, uno che «conosceva molte cose ma quando beveva parlava», e dunque, per ordine di Filippo Marchese, sanguinario capomafia di corso dei Mille, venne sequestrato per essere ucciso.

I due non avevano tempo da perdere e proseguirono sulla loro strada, ma Peri li seguì per discutere dell'incidente. A quel punto i due scesero dall'auto con la pistola in pugno e lo uccisero, togliendoselo di torno. Fatto questo portarono Lo Iacono nella "camera della morte" di Corso dei Mille e lo torturarono, per infine ucciderlo e farlo sparire.

Indagini

L'omicidio di Peri rimase un mistero per anni, dato che non aveva mai preso parte a operazioni di indagine su fatti di mafia, né era imparentato con qualche affiliato coinvolto nella Seconda Guerra di Mafia. Fu solo con la collaborazione di Vincenzo Sinagra che fu possibile spiegare quello e tanti altri delitti, rendendo finalmente giustizia ai familiari dell'ex-carabiniere. Ucciso per un banale incidente stradale.


Bibliografia

  • Antonio Calabrò (2016), I mille morti di Palermo, Milano, Mondadori.