Calogero Caiola

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Versione del 13 mar 2020 alle 12:17 di Ale44 (Discussione | contributi) (Creata pagina con "{{espandere}} '''Calogero Caiola''' ( San Giuseppe Jato, 1918 – San Giuseppe Jato, 3 novembre 1947) è stato un piccolo proprietario terriero di Partinico, ucc...")

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Calogero Caiola ( San Giuseppe Jato, 1918 – San Giuseppe Jato, 3 novembre 1947) è stato un piccolo proprietario terriero di Partinico, ucciso dalla mafia sei mesi dopo la Strage di Portella della Ginestra.

Biografia

Giovane proprietario terriero di San Giuseppe Jato, il 1° maggio 1947 si recò con altre 5 persone a Caramoli, piccolo borgo poco distante dalla Piana della Ginestra. Verso l’ora di pranzo iniziarono a sentire degli spari, così Caiola si diresse verso la Piana per chiamare la forza pubblica e notò molte persone armate, probabilmente riconoscendone alcune. Chiamato a testimoniare al processo sulla Strage, fu ucciso sei mesi dopo l’accaduto.