Canderolo Catanese

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.

Candeloro Catanese (Villafranca (ME), 11 agosto 1920 - Monreale (PA), 4 luglio 1949) è stato un poliziotto italiano, ucciso dalla mafia.

Biografia

Entrato giovanissimo in polizia, era stato assegnato al Reparto Autonomo Guardie presso l’Ispettorato Generale di Polizia di Stato per la Sicilia e componenti del Nucleo Mobile di S. Giuseppe Jato, in provincia di Palermo, un avamposto istituito per la repressione del banditismo e la cattura della banda del famigerato Salvatore Giuliano. Il 2 luglio 1949, verso le 20:30, si trovava a bordo di una camionetta Fiat 1100 con il Commissario Mariano Lando e i colleghi Carmelo Gucciardi, Carmelo Agnone, Carmelo Lentini, Michele Marinaro, Quinto Reda e Giovanni Biundo, per partecipare a una riunione dell’Ispettorato a Palermo.

Quando il veicolo giunse in località Portella Paglia, una frazione di Monreale, un gruppo di una decina di banditi aprì il fuoco con raffiche di mitra, lanciando anche bombe a mano. Le prime raffiche colpirono Agnone, Lentini e Reda, che morirono sul colpo. Gli altri, facendosi scudo con la macchina, risposero al fuoco. Quando arrivarono i soccorsi tutti i poliziotti erano feriti, alcuni in modo grave. Poco dopo morì Marinaro e dopo due giorni di agonia Catanese.

Bibliografia

  • “Giornale di Sicilia”, n. del 3.07.1949
  • “L’Ora”, n. del 5.07.1949