Confessione di un commissario di polizia al procuratore della Repubblica (film)

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Locandina del film "Confessione di un commissario di polizia al procuratore della Repubblica"
Damiano Damiani

CONFESSIONE DI UN COMMISSARIO DI POLIZIA AL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA

Anno: 1970

Genere: Drammatico

Durata: 106 min.

Regia: Damiano Damiani

Sceneggiatura: Damiano Damiani, Salvatore Laurani

Attori: Franco Nero, Martin Balsam, Marilù Tolo, Claudio Gora, Arturo Dominici,

Fotografia: Claudio Ragona

Montaggio: Antonio Siciliano

Musiche: Riz Ortolani

Produttore: Euro International Films; Explorer Film ’58

Distribuzione: Euro International Films – Domovideo

Paese: Italia

Trama

Il commissario di polizia Giacomo Bonavia e il sostituto procuratore della repubblica Traini sono impegnati, a Palermo, nella lotta contro la mafia e la criminalità. Mentre il primo, esasperato da dieci anni di insuccessi, si è ormai convinto dell'impossibilità di combattere la delinquenza organizzata siciliana secondo la prassi normale, il secondo, giovane e idealista, vede nella legge uno strumento inflessibile e non suscettibile di adattamenti a particolari situazioni. Deciso a punire a tutti i costi un potente capomafia, Ferdinando Lomunno, (che avvalendosi dell'amicizia di influenti personaggi politici è sempre riuscito a sottrarsi alla giusta condanna), Bonavia, dopo aver tentato inutilmente di farlo incriminare, provvede egli stesso ad eliminarlo. Tradotto in carcere, l'ex commissario è misteriosamente accoltellato a morte, mentre una preziosa testimone, Serena, che avrebbe potuto fornire elementi determinanti ai fini dell'inchiesta sulla mafia, viene soppressa. E' a questo punto che il sostituto procuratore Traini, il quale si era sempre opposto ai metodi poco ortodossi attuati da Bonavia, si rende conto di essere praticamente solo e di disporre di mezzi inadeguati per colpire un'organizzazione criminale ai cui vertici sono personalità potenti e insospettabili, probabilmente alcuni dei suoi stessi superiori.

Premi

  • Festival di Mosca nel 1971