Davide Ladini: differenze tra le versioni

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
(Creata pagina con "{{bozza}}Categoria:Vittime di 'ndrangheta")
 
m
 
(Una versione intermedia di uno stesso utente non è mostrata)
Riga 1: Riga 1:
{{bozza}}[[Categoria:Vittime di 'ndrangheta]]
+
{{espandere}}
 +
 
 +
'''Davide Ladini''' (Cinquefondi, [[1981]] - Cinquefondi, [[3 gennaio]] [[1998]]) è stato un ragazzo calabrese ucciso in un agguato di 'ndrangheta a seguito di una lite in una sala giochi.
 +
 
 +
== Biografia ==
 +
La sera del 3 gennaio Davide si trovava con i suoi amici [[Saverio Ieraci|Saverio]] e Orazio Ieraci, 13 e 12 anni, ed erano appena usciti da una sala giochi che si trovava su Corso Garibaldi, a trenta metri da Piazza della Repubblica, a Cinquefondi, in provincia di Reggio Calabria. All'improvviso da un'auto partirono diversi colpi di fucile e di pistola. Davide morì sul colpo, mentre Saverio Ieraci morì poco dopo in ospedale. All'origine dell'omicidio una lite nella sala giochi.
 +
 
 +
== Indagini e processi ==
 +
Dopo 13 giorni di latitanza, il "baby-killer", come lo soprannominarono gli inquirenti, si costituì alla Polizia. Fece dichiarazioni spontanee: "''Sono andato a cercarli nella sala giochi perché volevo chiedere loro conto del fatto che mi avevano bruciato dei cartoni che avevo raccolto con fatica e che dovevo vendere''". Per tutta risposta, secondo il racconto del ragazzo che faceva il pastore ma arrotondava raccogliendo cartoni nei supermercati della zona, i tre ragazzi gli si sarebbero avventati contro. "''Mi hanno aggredito con un posacenere e con tubo di quelli usati per alzare le saracinesche''". Da qui la decisione di vendicarsi, uccidendone due su tre.
 +
 
 +
 
 +
== Bibliografia ==
 +
* Aldo Lamberti, ''[https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1998/01/04/uccisi-due-ragazzi-in-calabria-caccia-ai.html Uccisi due ragazzi in Calabria, è caccia ai killer minorenni]'', la Repubblica, 4 gennaio 1998
 +
* la Repubblica, ''[https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1998/01/17/si-consegna-chiede-perdono-ho-ucciso-io.html Si consegna e chiede perdono. Ho ucciso io quei ragazzi]'', 17 gennaio 1998
 +
 
 +
 
 +
[[Categoria:Studenti]] [[Categoria:Minori Vittime di mafia]] [[Categoria:Vittime innocenti delle mafie]] [[Categoria:Vittime di 'ndrangheta]] [[Categoria:Nati nel 1981]] [[Categoria:Morti il 3 gennaio]] [[Categoria:Morti nel 1998]]

Versione attuale delle 12:10, 8 apr 2020


Davide Ladini (Cinquefondi, 1981 - Cinquefondi, 3 gennaio 1998) è stato un ragazzo calabrese ucciso in un agguato di 'ndrangheta a seguito di una lite in una sala giochi.

Biografia

La sera del 3 gennaio Davide si trovava con i suoi amici Saverio e Orazio Ieraci, 13 e 12 anni, ed erano appena usciti da una sala giochi che si trovava su Corso Garibaldi, a trenta metri da Piazza della Repubblica, a Cinquefondi, in provincia di Reggio Calabria. All'improvviso da un'auto partirono diversi colpi di fucile e di pistola. Davide morì sul colpo, mentre Saverio Ieraci morì poco dopo in ospedale. All'origine dell'omicidio una lite nella sala giochi.

Indagini e processi

Dopo 13 giorni di latitanza, il "baby-killer", come lo soprannominarono gli inquirenti, si costituì alla Polizia. Fece dichiarazioni spontanee: "Sono andato a cercarli nella sala giochi perché volevo chiedere loro conto del fatto che mi avevano bruciato dei cartoni che avevo raccolto con fatica e che dovevo vendere". Per tutta risposta, secondo il racconto del ragazzo che faceva il pastore ma arrotondava raccogliendo cartoni nei supermercati della zona, i tre ragazzi gli si sarebbero avventati contro. "Mi hanno aggredito con un posacenere e con tubo di quelli usati per alzare le saracinesche". Da qui la decisione di vendicarsi, uccidendone due su tre.


Bibliografia