Domenico Barranco

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.

Domenico Barranco (Cefalù, 12 gennaio 1922 - Cattolica Eraclea, 18 maggio 1955) è stato un Carabiniere, vittima innocente di Cosa Nostra.

Domenico Barranco

Biografia

Primi anni

Figlio di Rosaria e Salvatore Barranco, trascorse l'infanzia e l'adolescenza con i suoi fratelli, Carmela, Giuseppa e Giuseppe, lavorando come contadino con il padre fino all'età di 19 anni, quando decise di arruolarsi nell'Arma dei Carabinieri. Il 12 ottobre 1941 fu chiamato alle armi come allievo carabiniere ausiliario della Legione allievi Carabinieri di Roma, con la ferma ordinaria di leva, per poi essere promosso carabiniere effettivo il 7 gennaio 1942.

Alla fine della guerra, nel marzo 1945, tornò a casa in licenza per pochi giorni, per poi essere trasferito in servizio a Favara, in provincia di Agrigento.

L'omicidio

Giuseppe Spagnolo, possidente cattolicese di 60 anni, aveva denunciato un tentativo di estorsione a mezzo lettera minatoria ai suoi danni ai Carabinieri: si sarebbe dovuto recare la sera del 18 maggio 1955 intorno alle 21:30 con un plico contenente una consistente somma di denaro alla periferia del paese, in contrada San Silvestro, dove avrebbe incontrato un uomo al quale doveva consegnare i soldi. Il bandito a cui avrebbe dovuto consegnare il plico sarebbe stato riconoscibile perché si sarebbe presentato con una capra con un nastro nero legato al collo.

Barranco, insieme a un collega, furono assegnati in borghese sul luogo dello scambio, mentre i colleghi della stazione locale si appostarono nelle vicinanze. All'ora stabilita comparvero due uomini uno dei quali recava al laccio una capra con un nastro al collo. I due carabinieri lo stavano già arrestando, ma il malvivente estrasse una pistola e sparò due colpi contro il Barranco uccidendolo sul colpo. Il bandito tentò la fuga, ma fu raggiunto dai colpi sparati dagli altri carabinieri; il suo complice riuscì a dileguarsi facendo perdere le proprie tracce.

Bibliografia

  • Cefalù News, Domenico Barranco, un eroe da riscoprire: il giovane carabiniere ucciso dalla mafia, 27 gennaio 2019