Domenico Beneventano: differenze tra le versioni

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
(Creata pagina con "{{espandere}} '''Domenico “Mimmo” Beneventano''' (Petina, 11 luglio 1948 – Ottaviano, 7 novembre 1980) è stato un politico italiano, vittima innocente...")
 
 
Riga 1: Riga 1:
 
{{espandere}}
 
{{espandere}}
 
   
 
   
'''Domenico “Mimmo” Beneventano''' (Petina, [[11 luglio]] [[1948]] – Ottaviano, [[7 novembre]] [[1980]]) è stato un politico italiano, vittima innocente di [[Camorra]].  
+
'''Domenico Beneventano''' (Petina, [[11 luglio]] [[1948]] – Ottaviano, [[7 novembre]] [[1980]]) è stato un politico italiano, vittima innocente di [[Camorra]].  
 
   
 
   
 
== Biografia ==
 
== Biografia ==
Mimmo fu ammazzato per essersi opposto ad alcune speculazioni edilizie che si sarebbero dovute realizzare nei pressi di Ottaviano. Per il suo omicidio fu condannato all'ergastolo, il sesto della "carriera", [[Raffaele Cutolo]] ritenuto il mandante. La stessa pena è stata inflitta ad altri quattro imputati, Angelo Auricchio, Antonio Fontana e i fratelli Raffaele e Luigi Polito, in qualità di esecutori materiali dell'agguato che il mattino del 7 novembre 1980 uccise il consigliere del Pci del Comune di Ottaviano.
+
Domenico, più comunemente detto Mimmo, fu ammazzato per essersi opposto ad alcune speculazioni edilizie che si sarebbero dovute realizzare nei pressi di Ottaviano. Per il suo omicidio fu condannato all'ergastolo, il sesto della "carriera", [[Raffaele Cutolo]] ritenuto il mandante. La stessa pena è stata inflitta ad altri quattro imputati, Angelo Auricchio, Antonio Fontana e i fratelli Raffaele e Luigi Polito, in qualità di esecutori materiali dell'agguato che il mattino del 7 novembre 1980 uccise il consigliere del Pci del Comune di Ottaviano.
 
   
 
   
 
== Bibliografia ==
 
== Bibliografia ==

Versione attuale delle 20:42, 24 mar 2020


Domenico Beneventano (Petina, 11 luglio 1948 – Ottaviano, 7 novembre 1980) è stato un politico italiano, vittima innocente di Camorra.

Biografia

Domenico, più comunemente detto Mimmo, fu ammazzato per essersi opposto ad alcune speculazioni edilizie che si sarebbero dovute realizzare nei pressi di Ottaviano. Per il suo omicidio fu condannato all'ergastolo, il sesto della "carriera", Raffaele Cutolo ritenuto il mandante. La stessa pena è stata inflitta ad altri quattro imputati, Angelo Auricchio, Antonio Fontana e i fratelli Raffaele e Luigi Polito, in qualità di esecutori materiali dell'agguato che il mattino del 7 novembre 1980 uccise il consigliere del Pci del Comune di Ottaviano.

Bibliografia

  • Corriere della Sera, Napoli, sesto ergastolo per Cutolo, 21 ottobre 1987, p.12.