Domenico Cannatà

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Versione del 19 mar 2020 alle 14:32 di DusanD (Discussione | contributi) (Creata pagina con "{{espandere}} '''Domenico Cannatà''' (N.D. – San Ferdinando (RC), 4 novembre 1983) è stato un bambino italiano, vittima della 'ndrangheta. == Biografia == D...")

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)


Domenico Cannatà (N.D. – San Ferdinando (RC), 4 novembre 1983) è stato un bambino italiano, vittima della 'ndrangheta.

Biografia

Domenico aveva 11 anni e si trovava in compagnia di Serafino Trifarò, 14 anni, presso un circolo ENAL di San Ferdinando, nella Piana di Gioia Tauro. Erano accompagnati da Vincenzo Cannatà, trentanovenne padre di Domenico, e dopo aver consumato qualcosa al bancone si erano spostati fuori dal locale. I due minori rimasero coinvolti in una sparatoria, quando alcuni sicari si avvicinarono in macchina e aprirono il fuoco in loro direzione. Domenico e Serafino morirono sul colpo, mentre Vincenzo Cannatà rimase illeso.

A nulla servì la corsa all’ospedale di Gioia Tauro, con il padre di Domenico che accompagnò entrambi i ragazzi e poi si dileguò subito dopo facendo perdere le proprie tracce.

Sia Vincenzo Cannatà, padre di Domenico, che Pasquale Trifarò, padre di Serafino e non presente nel locale, erano mafiosi e pregiudicati.

I colpevoli dell’omicidio di Domenico e Serafino non vennero mai individuati.