Francesco Borrelli

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Francesco Borrelli (Papanice, 20 agosto 1941 – Cutro, 13 gennaio 1982) è stato un carabiniere italiano, vittima innocente della 'ndrangheta.

Biografia

Nato a Papanice, in provincia di Crotone, era maresciallo capo dei Carabinieri in servizio presso l'ottavo Nucleo elicotteri di Vibo Valentia e padre di due bambini di 6 e 7 anni. Il 13 gennaio 1982 si trovava fuori servizio nella città di Cutro, quando nella piazza nella quale si trovava vide un'auto con dei fucili pronti a sparare. Si accorse che dal lato opposto della piazza c'era il boss Antonio Dragone, obiettivo dei killer. Il maresciallo Borrelli iniziò ad urlare per allontanare la gente, ma le armi iniziarono a far fuoco e lo colpirono uccidendolo. Insieme a lui fu assassinato il ragioniere Salvatore Dragone.