Francesco Maniscalco

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Versione del 30 mar 2020 alle 15:11 di Catelocalzo (Discussione | contributi) (Creata pagina con " {{espandere}} '''Francesco Maniscalco''' (Santo Stefano di Quisquina, 1952 - Bivona, 19 settembre, 1994) è stato un operaio, vittima innocente di [[Cosa Nostra]...")

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)


Francesco Maniscalco (Santo Stefano di Quisquina, 1952 - Bivona, 19 settembre, 1994) è stato un operaio, vittima innocente di Cosa Nostra.

Biografia

Sposato con due figli piccoli, Francesco era un operaio nella ditta di calcestruzzo dei fratelli Ignazio e Calogero Panepinto, a Bivona, in provincia di Agrigento, il 19 settembre 1994 arrivò davanti alla cava con il titolare Calogero e suo figlio Davide, di 17 anni, quando, appena scesi dall’auto, si accostò una Croma da cui scesero tre killer che spararono una pioggia di colpi contro i tre uomini. Francesco e Calogero morirono sul colpo. Davide rimase gravemente ferito.