Francesco Vangeli

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Francesco Vangeli (N.D., 1992 - San Giovanni di Mileto, 9 ottobre 2018) è stato un ragazzo calabrese, vittima innocente di 'ndrangheta.

Biografia

Francesco venne visto l'ultima volta la sera del 9 ottobre 2018, mentre si stava recando ad una presunta cena tra amici. Da allora non è stato più trovato.

Indagini e processi

Dopo aver trovato la sua auto carbonizzata nei pressi dello svincolo di Mileto, in provincia di Vibo Valentia, le indagini accertarono che ad uccidere Vangeli sarebbero stati i due fratelli Antonio e Giuseppe Prostamo, ritenuti esponenti di spicco dell’omonima “famiglia” di ‘ndrangheta di San Giovanni di Mileto. I due avrebbero agito in concorso con altre due persone ancora in fase di identificazione. Sono accusati, a vario titolo, di una serie di reati, tutti aggravati dal metodo mafioso: omicidio, distruzione e soppressione di cadavere oltre a minaccia e detenzione di arma clandestina.

Il movente dell'omicidio è stato ricondotto alla relazione che Francesco aveva con Alessia Pesce, contesa con il suo carnefice Antonio. La ragazza è attualmente indagata per falsa testimonianza.

Un ruolo fondamentale nella vicenda lo avrebbero rivestito anche due “amici” di Vangeli: Alessio Porretta e Fausto Signoretta, entrambi accusati di favoreggiamento aggravato dal metodo mafioso.

La tesi è che il primo abbia accompagnato la vittima a San Giovanni di Mileto a bordo della Ford Fiesta poi data alle fiamme. Secondo le indagini, prima di arrivare a destinazione, i due si sarebbero fermati a Nao (una frazione di Ionadi) per informare Fausto Signoretta e chiedere di interessarsi alla vicenda per trovare una soluzione nei contrasti esistenti tra i Prostamo e Vangeli, “anche in virtù della sua vicinanza ai Mancuso”.

Signoretta ha infatti tenuto a battesimo la figlia di Giuseppe Mancuso, quest’ultimo figlio di Giovanni. Una mediazione fallita: Signoretta sarebbe stato costretto in malo modo dai Prostamo ad allontanarsi dalla loro abitazione, mentre Porretta sarebbe stato riaccompagnato a casa lasciando da solo al proprio destino Vangeli.

Bibliografia