Gaetano Miano

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Gaetano Miano (N.D., 1958 - Catania, 21 novembre 1987) è stato un panettiere, vittima innocente di Cosa Nostra.

Biografia

Proprietario di un panificio in Via Vittorio Emanuele, nel centro storico di Catania, Gaetano era fratello di Francesco e Roberto Maino, capimafia catanesi divenuti collaboratori di giustizia al Maxiprocesso di Torino dal luglio 1984. Nonostante la parentela, Gaetano rimase sempre estraneo estraneo alle dinamiche mafiose e svolgeva in una tranquilla routine la sua professione.

L’omicidio

Proprio sfruttando la sua tranquilla routine, i killer lo aspettarono sotto casa, in via Acquedotto Greco, alle 6:00 del mattino, in un'alba gelida e piovosa. Contro Gaetano vennero sparati sette colpi di calibro 38: raggiunto dai primi proiettili, l'uomo cercò scampo in un portone ma venne raggiunto e finito con tre colpi alla testa.

Con la sua morte Cosa Nostra voleva indurre i fratelli Francesco e Roberto a interrompere la collaborazione con la giustizia.

Bibliografia