Giorgio Verdura

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Giorgio Verdura (N.D. - Palermo, 7 maggio 1879) è stato un militare messinese e sindaco del Comune di Santa Maria dell'Ogliastra, oggi Bolognetta, vittima innocente di Cosa Nostra.

Biografia

Ex brigadiere del corpo dei Reali Carabinieri, Giorgio Verdura fu nominato dal prefetto di Palermo sindaco del Comune di Santa Maria dell'Ogliastra, oggi Bolognetta, per il triennio 1876 - 1878. Nel luglio del 1878, pochi mesi prima della conclusione del suo incarico, il sindaco presentò una denuncia contro il notaio Vincenzo Benanti e altri individui appartenenti al cosiddetto “partito Benanti”, accusati anche di avere commissionato a sicari l'omicidio dello stesso Verdura. Il notaio Benanti, indicato dai carabinieri nell'aprile del 1880 come capo della mafia locale, replicò presentando una contro-denuncia al prefetto in cui incolpava al sindaco di perseguitare con “ingiuste regole di rigore” gli onesti cittadini, ottenendo la destituzione di quest'ultimo e lo scioglimento del consiglio comunale.

L'omicidio

Il 7 maggio 1879, mentre si trovava in cammino per Palermo con alcuni compaesani, l'ex sindaco fu ferito dai proiettili di un fucile. Portato all'ospedale palermitano San Severo morì dopo avere parlato con i familiari e gli inquirenti.

Indagini e Processi

Sulla base delle dichiarazioni dello stesso Verdura, di altri testimoni e di una lettera anonima furono indicati come mandanti del delitto i fratelli Benanti, Antonino Calivà e Giovanni Monachelli, mentre gli esecutori materiali sarebbero stati Giuseppe Ficarrotta e Giuseppe Monachelli. Purtroppo non esiste una documentazione adeguata che possa testimoniare l'andamento delle indagini.