Giovanni Castiglione

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Giovanni Castiglione (Comitini, N.D. – Alia, 22 settembre 1946) era un contadino e sindacalista italiano, ucciso da Cosa Nostra nella Strage di Alia.

Biografia

Il 22 settembre 1946 era in corso una riunione di contadini nella casa di Giuseppe Maggio, segretario della Camera del Lavoro di Alia, in provincia di Palermo. Scopo dell’incontro era discutere sulla possibilità di occupare i feudi Rigiura e Vaccotto, nelle mani di alcuni gabelloti mafiosi, al fine di assegnarli alle cooperative di contadini, come previsto dai decreti “Gullo”. All’improvviso venne lanciata all’interno dell’abitazione una bomba a mano. Il bracciante agricolo Girolamo Scaccia e Giovanni Castiglione, vicesegretario della lega dei contadini di Alia, morirono sul colpo. Altri contadini presenti rimasero feriti. Sulla strada fu trovata la cuffia del congegno di sicurezza automatico della bomba a mano tipo “Breda”. La strage di Alia fu anticipatrice di quella che si sarebbe consumata il 1° maggio 1947 a Portella della Ginestra.

Bibliografia

  • Umberto Santino, Movimento contadino e sindacale, Sito web Centro Impastato