Il brigante Musolino (film)

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Locandina del film "Il brigante Musolino"
Mario Camerini

IL BRIGANTE MUSOLINO

Anno: 1950

Genere: Drammatico

Durata: 99 min.

Regia: Mario Camerini

Sceneggiatura: Mario Camerini, Franco Brusati, Ennio De Concini, Vincenzo Talarico, Ivo Perilli

Attori: Ignazio Balsamo, Elvira Betrone, Guido Celano, Natale Cirino, Rocco D'Assunta, Augusto Di Giovanni, Paolo Ferrara, Arnoldo Foà, Armando Furlai, Giacomo Giuradei, Franco Jamonte, Silvana Mangano, Amedeo Nazzari, Guido Morisi, Nino Pavese, Alessio Ruggeri, Gaetano Quartararo, Filippo Scelzo, Antonio Nicotra, Eduardo Passarelli, Umberto Spadaro

Fotografia: Aldo Tonti

Montaggio: Adriana Novelli

Musiche: Enzo Masetti

Produttore: Carlo Ponti e Dino De Laurentis per Ponti e De Laurentis

Distribuzione: Paramount – Lux Film

Paese: Italia

Trama

Giuseppe Musolino, giovane carbonaio calabrese, fa la corte alla bella Mara; ma il padre di lei vorrebbe che sposasse Don Pietro, capo della mafia. Il giorno della festa del paese, Musolino ha una violenta lite con Don Pietro: verso sera questo viene assassinato. Musolino è del tutto estraneo al delitto, dovuto alla mafia: malgrado questo, il giovane carbonaio viene arrestato e processato. Le deposizioni di tre testimoni falsi lo fanno condannare a ventun'anni. Evaso dal carcere dopo due anni, Musolino uccide durante una processione, uno dei testimoni, poi fugge sui monti: qui lo raggiunge Mara. La vendetta non e ancora completa: un altro dei suoi accusatori deve pagare il fio. L'ultimo dei testimoni falsi è un medico, che però viene risparmiato da Musolino. Braccato non soltanto dalla polizia, ma anche dai sicari assoldati dal vero assassino, Musolino decide di tentare la fuga all'estero insieme a Mara, ch'è incinta. Prima di partire vogliono confessarsi, ma si vedono negata l'assoluzione. All'uscita dal santuario, Mara viene uccisa per errore dall'uccisore di Don Pietro: Musolino la vendica, uccidendo, dopo una lotta corpo a corpo, l'assassino. Poi si costituisce ai carabinieri.