L'uomo di vetro (film)

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Locandina del film "L'uomo di vetro"
Stefano Incerti

L'UOMO DI VETRO

Anno: 2007

Genere: Drammatico

Durata: 96min.

Regia: Stefano Incerti

Sceneggiatura: Salvatore Parlagreco, Heidrun Schleef

Attori: David Coco, Anna Bonaiuto, Tony Sperandeo, Elaine Bonsangue, Ilenia Maccarrone, Ninni Bruschetta, Francesco Scianna, Tony Palazzo

Fotografia: Pasquale Mari

Montaggio: Cecilia Zanuso

Musiche: Andrea Guerra

Produttore: Rai Cinema, Red Film

Distribuzione: 01 Distribution

Paese: Italia

Trama

E’ strano Leonardo Vitale. Si isola spesso. Ogni tanto balbetta. Ha paura del buio. Viene arrestato la prima volta, il 17 agosto 1972, come sospettato autore del sequestro Cassina. Leonardo durante l'interrogatorio crolla, si mette persino a piangere. Continua a ripetere che lui non c'entra niente ed inizia a fare nomi e cognomi. Dopo 43 giorni di cella di isolamento viene rilasciato, ma tornato a casa è depresso, impaurito. Non vuole vedere nessuno e per venti giorni non spiccica una parola. Malgrado le cure di madre e sorella, Leonardo peggiora di giorno in giorno. Alterna la depressione alla paura. Sta sempre a spiare alla finestra e sussulta a ogni rumore. E’ convinto che stiano per venire a ucciderlo. Poche settimane dopo Vitale viene internato in una clinica psichiatrica. Un anno dopo, il 30 marzo del '73, Leonardo confessa al commissario di essere un assassino. Dice che ha ritrovato la fede in Dio e deve confessare per salvarsi l'anima... "L'Uomo di vetro" è tratto dal libro omonimo di Salvatore Parlagreco (Ed. Bompiani) e si ispira alla storia di Leonardo Vitale, il primo pentito di mafia che decise di rompere il muro di omertà che impediva alla magistratura di penetrare il sistema mafioso. Vitale pagò questa scelta con il carcere, il manicomio giudiziario e poi con la vita, dato che la mafia, una volta tornato in libertà non esitò ad assassinarlo.