Locale di Appiano Gentile-Guanzate

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Versione del 9 apr 2016 alle 17:16 di Lucky90 (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Per questa voce non è stato possibile recuperare tutte le fonti giudiziarie e quindi le informazioni potrebbero risultare incomplete o non aggiornate. Se sei in grado di aiutarci, puoi inviare una mail a redazione@wikimafia.it

La Locale di Appiano Gentile-Guanzate, due comuni tra loro limitrofi, è una Locale di 'ndrangheta che, come risulta dall'operazione Fiori della Notte di San Vito, è costituita da soggetti in prevalenza originari di Giffone (RC).

La storia

La Locale di Appiano Gentile è considerabile una “colonia” di quella di Fino Mornasco, aperta per dare "spazio" ad alcuni affiliati, come Michelangelo Maci (considerato il capo all'epoca dell'operazione "Fiori della notte di San Vito") e Nino La Rosa[1].

Questi due esponenti sarebbero stati, secondo la Corte d’Appello, “chiusi” nella precedente Locale per l’esistenza di personaggi più autorevoli di loro. L’apertura di una nuova Locale sarebbe stata decisa proprio per dar loro l’opportunità di crescere nel loro prestigio criminale, senza “mettere in ombra” altri ‘ndranghetisti.

Uno dei luoghi di incontro di questa Locale sarebbe stato il bar “OK” di Guanzate, che sarebbe stato di proprietà di Bruno Bellocco, ma gestito da un altro affiliato. Il bar tra l’altro sarebbe stato acquistato ad un prezzo inferiore a quello di mercato: il tutto sarebbe avvenuto dopo alcune minacce telefoniche e degli spari alle vetrine del suddetto locale[2].

Bibliografia

  • Lucilio Gnocchi, Sentenza n. 1968/98 contro "Mazzaferro + 126", Corte d'Appello di Milano - Sezione I penale, 12/07/1999

Note

  1. Lucilio Gnocchi, Sentenza n. 1968/98 contro "Mazzaferro + 126", Corte d'Appello di Milano - Sezione I penale, 12/07/1999, pag. 641
  2. Ivi, pag. 553