Locale di Calolziocorte

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Versione del 10 apr 2016 alle 12:16 di Lucky90 (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Per questa voce non è stato possibile recuperare tutte le fonti giudiziarie e quindi le informazioni potrebbero risultare incomplete o non aggiornate. Se sei in grado di aiutarci, puoi inviare una mail a redazione@wikimafia.it

La Locale di Calolziocorte è una Locale di 'ndrangheta, scoperta con l'operazione Fiori della Notte di San Vito del 15 giugno 1994[1]. Il collaboratore di giustizia Raffaele Iaconis ha raccontato di essere stato capo di questa Locale fino al suo arresto. [2].

L'operazione Insubria

Secondo l'operazione Insubria del 2014, a capo di essa vi sarebbe stato Antonino Mercuri, avente "dote" di padrino, il quale aveva stabilito relazioni con gli affiliati delle Locali di Fino Mornasco e Cermenate. Il capo società sarebbe invece Antonio Mandaglio, il quale interviene nelle decisioni relative alla concessione delle "doti" della 'ndrangheta[3].


Bibliografia

  • Lucilio Gnocchi, Sentenza n. 1968/98 contro "Mazzaferro + 126", Corte d'Appello di Milano - Sezione I penale, 12/07/1999

Note

  1. Lucilio Gnocchi, Sentenza n. 1968/98 contro "Mazzaferro + 126", Corte d'Appello di Milano - Sezione I penale, 12/07/1999, pag. 586
  2. Ivi, pag. 576
  3. Simone Luerti, Ordinanza di applicazione di misure cautelari -Procedimento Penale n. N. 45730/12 R.G.N.R., Tribunale di Milano - Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari, 14 novembre 2014, pag. 9