Locale di Lumezzane

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Per questa voce non è stato possibile recuperare tutte le fonti giudiziarie e quindi le informazioni potrebbero risultare incomplete o non aggiornate. Se sei in grado di aiutarci, puoi inviare una mail a redazione@wikimafia.it

La Locale di Lumezzane è una Locale di 'ndrangheta costituita da soggetti in prevalenza originari di Galatro (RC) e Giffone (RC), facente capo a Gianni Maduli e che avrebbe avuto il controllo anche delle zone di Renate e Cremella.

Secondo la Corte d’Appello di Milanoref> Lucilio Gnocchi, Sentenza n. 1968/98 contro "Mazzaferro + 126", Corte d'Appello di Milano - Sezione I penale, 12/07/1999, pagg. 647-649 </ref>, uno dei punti di ritrovo di essa sarebbe stato il bar “American” di Lumezzane e la frequentazione del bar sarebbe stata fondamentale per la vita associativa del gruppo criminale, dove gli affiliati avrebbero preso le decisioni relative ad esso. La mancanza a questi incontri avrebbe, secondo Leonardo Gammuto, implicato una punizione, come nel caso di Nunzio Lania che sarebbe stato addirittura ucciso.

Bibliografia

  • Lucilio Gnocchi, Sentenza n. 1968/98 contro "Mazzaferro + 126", Corte d'Appello di Milano - Sezione I penale, 12/07/1999

Note