Luca Cottarelli

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Luca Cottarelli (N.D., 1989 - Urano Mella, 28 agosto 2006) è stato un ragazzo bresciano, vittima innocente di Cosa Nostra.

Biografia

Luca aveva 17 anni e viveva con i genitori in provincia di Brescia. Il padre, Angelo, nel 2004 era stato arrestato con altre 32 persone nell'ambito di un'inchiesta della procura di Potenza, condotta dal pm John Woodcock, su una tratta di ragazze dell'Est che ruotava su alcuni locali notturni sul Lago di Garda. Venne prosciolto come pure da un'altra inchiesta su un presunto giro di fatture false.

A ritrovare i corpi dei tre fu la vicina, insospettitasi per l’uscio socchiuso della villetta: Marzenne Topar, 41 anni, di origine polacca, e Luca erano seduti su un divanetto nella taverna della villa, le mani strette da fascette per elettricisti, i pigiami intrisi di sangue. Angelo Cottarelli era invece ancora agonizzante, riverso sul pavimento all'ingresso della taverna; respirava a malapena. Il sangue che gli colava nella gola gli strozzava le parole. Morì poco dopo, all'ospedale civile di Brescia, senza dire chi fossero stati i responsabili.

Indagini e processi

Per la morte di Luca fu condannato nel 2017 all’ergastolo il boss trapanese Vito Marino, figlio di Girolamo, arrestato l’anno successivo.

Bibliografia