Lucia Costantino: differenze tra le versioni

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
(Pagina svuotata)
m
 
Riga 1: Riga 1:
 +
{{espandere}}
  
 +
'''Lucia Costantino''' (Bagheria, [[1939]] - Bagheria, [[23 novembre]] [[1989]]) è stata una donna siciliana, vittima di [[Cosa Nostra]]. Era la zia del collaboratore di giustizia [[Francesco Marino Mannoia]] e venne uccisa insieme alla nipote, [[Vincenza Marino Mannoia]], e alla sorella, [[Leonarda Costantino]].
 +
 +
==Biografia==
 +
La sera del [[23 novembre]], dopo dopo le 21:00, le tre donne si trovavano dentro la propria auto, una Citroen AX bianca, di proprietà di Vincenza, quando si fermarono nella parte nuova di Bagheria, a circa un km dallo svincolo autostradale per Palermo. Probabilmente furono attirate lì con un tranello. Vincenza ebbe giusto il tempo di posteggiare, spegnere i fari dell’auto, quando la prima scarica di lupara devastò il lunotto termico e uccise sul colpo Lucia Costantino, che aveva preso posto sul sedile posteriore della Citroen. Poi partirono altri colpi di fucile calibro 12 e di pistola calibro 38 che massacrarono anche le altre due donne.
 +
 +
==Bibliografia==
 +
*Attilio Bolzoni, ''[https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1989/11/25/una-strage-chiamata-pentimento.html?ref=search Una strage chiamata pentimento]'', La Repubblica, 25 gennaio 1989.
 +
* Francesco Vitale, ''Trappola mortale a Bagheria'', l’Unità, 24 novembre 1989
 +
 +
[[Categoria:Familiari di mafiosi]] [[Categoria:Nati nel 1924]] [[Categoria:Morti il 23 novembre]] [[Categoria:Morti nel 1989]]

Versione attuale delle 18:00, 5 apr 2020


Lucia Costantino (Bagheria, 1939 - Bagheria, 23 novembre 1989) è stata una donna siciliana, vittima di Cosa Nostra. Era la zia del collaboratore di giustizia Francesco Marino Mannoia e venne uccisa insieme alla nipote, Vincenza Marino Mannoia, e alla sorella, Leonarda Costantino.

Biografia

La sera del 23 novembre, dopo dopo le 21:00, le tre donne si trovavano dentro la propria auto, una Citroen AX bianca, di proprietà di Vincenza, quando si fermarono nella parte nuova di Bagheria, a circa un km dallo svincolo autostradale per Palermo. Probabilmente furono attirate lì con un tranello. Vincenza ebbe giusto il tempo di posteggiare, spegnere i fari dell’auto, quando la prima scarica di lupara devastò il lunotto termico e uccise sul colpo Lucia Costantino, che aveva preso posto sul sedile posteriore della Citroen. Poi partirono altri colpi di fucile calibro 12 e di pistola calibro 38 che massacrarono anche le altre due donne.

Bibliografia

  • Attilio Bolzoni, Una strage chiamata pentimento, La Repubblica, 25 gennaio 1989.
  • Francesco Vitale, Trappola mortale a Bagheria, l’Unità, 24 novembre 1989