Luigi Iannotta

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Versione del 19 mar 2020 alle 11:32 di Nila (Discussione | contributi) (nessuna)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Luigi Iannotta (Capua (CE), 2 agosto 1944 - Santa Maria Capua Vetere 19 aprile 1993) è stato Assessore al personale del Comune di Capua. Aveva ereditato dal padre un’azienda di estrazioni di materiale calcareo che dava lavoro a circa 15 famiglie del proprio paese. Benché avesse già intrapreso l’attività di insegnante, si caricò di questa nuova responsabilità: per questo era ritenuto la persona giusta per salvare dalla disoccupazione circa settanta dipendenti del consorzio Covin, dell’attività estrattiva in scioglimento di cui era da poco liquidatore.

Da subito gli inquirenti si orientarono verso la sua attività imprenditoriale e apparve chiaro che Iannotta era stato vittima di un attentato dimostrativo nei riguardi di quella classe imprenditoriale che voleva sottrarsi alle estorsioni.

Dal momento che le attività di investigazione non consentirono di acquisire elementi utili per la prosecuzione delle indagini, nel permanere ignoti gli autori del reato, il Pubblico Ministero formulò richiesta di archiviazione accolta poi dal GIP.

Bibliografia

[Si oppone ad estorsione del clan della zona, ucciso a Capua Luigi Iannotta], 19 aprile 2017