Milano: il clan dei calabresi (film)

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Locandina del film "Milano: il clan dei calabresi"
Giorgio Stegani

MILANO: IL CLAN DEI CALABRESI

Anno: 1974

Genere: Noir

Durata: 91 min.

Regia: Giorgio Stegani

Sceneggiatura: Giovanni Addessi, Camillo Bazzoni, Franco Barbaresi

Attori: Antonio Sabàto, Silvia Monti, Pier Paolo Capponi, Nicoletta Rizzi, Toni Ucci, Fred Williams, Peter Carsten, Nicola D'Eramo, Mario Donen, Bruno Di Luia

Fotografia: Aldo De Robertis, Sandro Mancori

Montaggio: Otello Colangeli

Musiche: Gianni Marchetti

Produttore: Giovanni Addessi

Distribuzione (Italia): Cristiana Cinematografica

Paese: Italia

Trama

Paolo Mancuso, calabrese d'origine, emigra con la moglie a Milano in cerca di fortuna. Stanco di soffrire la miseria e la fame, non trova di meglio che cercare di arraffare miliardi inserendosi nel giro della malavita che controlla il traffico della droga e della prostituzione; e, in effetti scala i più alti vertici della mafia divenendo un temuto alto boss. Ma la sua fortuna scatena contro di lui la lotta delle bande rivali. Braccato si rifugia in un laboratorio biologico dove viene morsicato da una cavia portatrice di virus letali. Destinato a morire certamente entro 20 ore, decide di trascinare molti dei suoi avversari nelle tenebre della morte. Mentre la moglie cerca disperatamente il farmaco per guarirlo, Paolo viene aggredito da un'orda popolare e lapidato da baraccati.