Orazio Costantino

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Orazio Costantino (Castroreale Terme (ME), 24 gennaio 1931 – Casteldaccia (PA), 27 aprile 1969) è stato un carabiniere italiano, vittima di Cosa Nostra.

Biografia

Il 27 aprile 1969 il Carabiniere Scelto Orazio Costantino partecipò al tentativo di arresto degli autori di una tentata estorsione ai danni di un commerciante, mediante lettera minatoria. L’uomo che secondo l’accusa sarebbe stato Antonino Parisi, armato di fucile da caccia, si accinse a raccogliere il sacco simulante la somma di 3 milioni di lire, richiesta dallo stesso a titolo di estorsione. Orazio Costantino cercò di fermare il malvivente, ma venne colpito da una scarica di lupara. Dopo 55 giorni di indagini i carabinieri riuscirono ad incriminare Antonino Parisi e il fratello Giusto Parisi, riconosciuto colpevole non solo di aver fatto il palo ma anche di aver scritto la lettera estorsiva. Successivamente ricevette la Medaglia d’oro al Valore Militare.