Pasquale Di Lorenzo

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Versione del 17 mar 2020 alle 22:24 di Nila (Discussione | contributi) (Creata pagina con "{{espandere}} '''Pasquale Di Lorenzo''' (Sipicciano di Galluccio, 1947 - Porto Empedocle, 13 ottobre 1992) è stato un agente di polizia penitenziaria, vittima in...")

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)


Pasquale Di Lorenzo (Sipicciano di Galluccio, 1947 - Porto Empedocle, 13 ottobre 1992) è stato un agente di polizia penitenziaria, vittima innocente di Cosa Nostra.

Biografia

Originario della provincia di Caserta, sposato con due figlie, Pasquale Di Lorenzo abitava a Porto Empedocle ed era sovrintendente di Polizia Penitenziaria presso il carcere di San Vito. Fu ucciso il 13 ottobre del 1992 a Porto Empedocle, in contrada Durruelli.

Indagini e processi

Per anni l'omicidio fu ritenuto legato a controversie familiari. Soltanto nel 1999 il collaboratore di giustizia Alfonso Falzone si accusò dell'omicidio affermando che il movente fosse la strategia di terrore decisa da Cosa Nostra a seguito dell'entrata in vigore dell'articolo 41-bis dell'ordinamento penitenziario. L'ordine impartito da Totò Riina era quello di uccidere un agente penitenziario per ogni carcere siciliano. Pasquale Di Lorenzo fu scelto per primo proprio per la sua moralità e professionalità.