Pietro Polara

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Pietro Polara (Gela (CL), 12 luglio 1943 - Gela (CL), 27 febbraio 1989) è stato un commerciante, vittima innocente di Cosa Nostra.

Biografia

Commerciante di macchine agricole dal 1963, nel 1985 fu dichiarato cavaliere del Lavoro dalla Bertolini per il lavoro svolto brillantemente per 20 anni. Si candidò, inoltre, per ben due volte al Partito Democratico Cristiano nel 1988. Perse la via il 27 febbraio 1989 nel quartiere Macchiatella di Gela, in seguito ad un agguato per una vendetta trasversale. Nel dicembre, infatti, furono uccisi il fratello, Salvatore Polara, la moglie e i due figli. Salvatore Polara si trovava agli arresti domiciliari, dopo aver fatto ritorno dopo un periodo di soggiorno obbligato in provincia di Chieti. Salvatore era un boss in ascesa e per questo motivo fu ucciso con la sua famiglia: a pagarne le conseguenze fu anche il fratello Pietro che era completamente estraneo all'ambiente mafioso.