Pino Camilleri

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Pino Camilleri (Naro, 20 settembre 1918 – Naro, 28 giugno 1946) è stato un politico italiano, sindaco socialista di Naro, vittima innocente di Cosa Nostra.

Biografia

Sin da giovane universitario ormai prossimo alla laurea in giurisprudenza aveva abbracciato la causa di quel movimento sindacale e politico che a Naro aveva mosso i primi passi con i movimenti dei Fasci Siciliani di fine '800 e le numerose cooperative e casse rurali. La giovane età non impedì a Camilleri di prendere parte in prima persona alla protesta contro la politica economica siciliana del latifondismo e dello sfruttamento dei contadini.

Nelle prime elezioni amministrative del dopoguerra conquistò, grazie al suo impegno e alla sua preparazione universitaria, la poltrona di sindaco di Naro, dalla quale cominciò una lunga campagna tra le zone di Caltanissetta e Agrigento a fianco dei braccianti per interrompere definitivamente la pericolosa convergenza di interessi tra i vertici mafiosi e i grandi proprietari terrieri.

Anche il fratello Calogero ottenne in affitto un appezzamento di terreno a Naro. Alla sua porta bussarono alcuni braccianti mandati direttamente da una famiglia mafiosa con l’intento di essere assunti forzosamente nel feudo. Calogero Camilleri respinse quelle imposizioni e le minacce che seguirono. La criminalità organizzata locale non tollerava ostacoli alla pratica lucrosa del latifondismo che le consentiva di accumulare sempre più terreni a scapito dei lavoratori.

Il 25 agosto 1945, su richiesta del Comitato di Liberazione del suo Comune, l’incarico di sindaco si trasformò in quello di commissario prefettizio e, con ogni probabilità, Pino Camilleri si sarebbe candidato alle elezioni politiche per l’Assemblea Costituente del 1946.

L'omicidio

Venne ucciso da alcuni colpi di lupara mentre cavalcava da Riesi, in provincia di Caltanissetta verso il feudo Deliella, di cui i contadini chiedevano l’assegnazione nonostante le intimidazioni e le minacce ricevute dai gabelloti. Dopo la morte del sindaco le indagini seguirono sia la pista della vendetta trasversale sia quella del delitto politico. In entrambi i casi non si giunse a nessuna condanna. I resti di Pino Camilleri riposano nel cimitero di Naro.

Bibliografia

  • Il coraggio di un giovane sindaco: Pino Camilleri, sito web gruppolaico.it, 28 giugno 2017