Raffaele Vitiello

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.
Versione del 17 mar 2020 alle 22:35 di Nila (Discussione | contributi) (Creata pagina con "{{espandere}} '''Raffaele Vitiello''' (Ponza, 1 giugno 1947 - Brindisi, 22 dicembre 1992) è stato un finanziere italiano, vittima innocente delle mafie. A lu...")

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)


Raffaele Vitiello (Ponza, 1 giugno 1947 - Brindisi, 22 dicembre 1992) è stato un finanziere italiano, vittima innocente delle mafie. A lui è intitolata la Stazione Navale di Bari, sita in ambito portuale al Molo Pizzoli.

Biografia

Insignito di due encomi semplici e due solenni per le diverse attività operative svolte, Raffaele Vitiello è rimasto ucciso in uno scontro tra motovedette della Guardia di Finanza a largo di Brindisi, in prossimità di Torre Canne, proprio durante una di queste attività. Il 22 dicembre del 1992 i natanti dei Guardia di Finanza erano all'inseguimento di uno scafo contrabbandiero quando accidentalmente si sono scontrati. Nell'impatto morì il Maresciallo Capo mare Raffaele Vitiello, direttore delle macchine, mentre altri tre militari rimasero feriti.