Salvatore Sceusa

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Salvatore Sceusa (Cerda, N.D. - Capaci, 19 giugno 1991) è stato un imprenditore edile italiano, vittima innocente di Cosa Nostra.

Biografia

Insieme al fratello Giuseppe, Salvatore scomparve nel nulla dopo essersi recato a Palermo nel giugno del 1991. Attirato con un tranello, venne ucciso e sciolto nell'acido.

Indagini e Processi

In seguito alle indagini e alla testimonianza del boss divenuto collaboratore di giustizia Antonino Giuffrè, fu accertato che Salvatore, insieme al fratello Giuseppe e al sindaco Giuseppe Biondillo, era presente nello studio dell'ingegnere che si occupava della spartizione degli appalti della provincia palermitana. Dopo l'incontro, i due furono condotti in una villa di Carini, dove furono uccisi da Giuffrè in persona per essersi rifiutati di pagare la tangente.

Bibliografia