Silvio Mirarchi

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Silvio Mirarchi (N.D., 1962 - Marsala, 1° giugno 2016) è stato un maresciallo dei Carabinieri, vittima di Cosa Nostra.

Biografia

Il maresciallo era impegnato, insieme a un collega, in un’operazione antidroga e in indagini per furti. E’ stato ferito il 31 maggio 2016 a colpi di pistola nelle campagne di Marsala ed è morto il 1° giugno in ospedale a Palermo. Degli sconosciuti hanno sparato contro i due militari, che stavano facendo un appostamento tra contrada Ciavolo e Ventrischi: Mirarchi è stato colpito a un rene e portato prima all’ospedale di Marsala, poi, nel capoluogo, dove è stato operato. Le sue condizioni erano gravissime e il militare non ha superato l’intervento.

Le indagini sull'agguato sono state condotte dal comando provinciale dei carabinieri di Trapani. La zona è stata passata al setaccio dagli investigatori che poco distante dall’agguato hanno trovato due serre con seimila piante di marijuana. Mirarchi era originario di Catanzaro ed era vicecomandante della stazione dei carabinieri di contrada Ciavola a Marsala. L'ipotesi è quella che potrebbe essere stato scambiato per qualcuno che voleva rubare piante di marijuana. Una delle piantagioni che il maresciallo e il commilitone stavano ispezionando, sarebbe stata "sorvegliata" da un paio di persone, che avendo notato i due in borghese, avrebbero esploso contro di loro diversi colpi d'arma da fuoco e uno di questi ha raggiunto il maresciallo perforandogli un rene.

Bibliografia