Modifiche

Nirta ('ndrina)

23 byte aggiunti, 18:55, 3 gen 2015
Leadermassimo ha spostato la pagina [[Nirta (famiglia)]] a [[Nirta ('ndrina)]] senza lasciare redirect
[[Categoria:'ndrina]]
=== Traffico di armi ===
Due collaboratori di giustizia della mafia siciliana sostennero il coinvolgimento dei Nirta nella vendita di armamenti per attentati ai danni di magistrati operanti nella Procura di Palermo. Vincenzo Calcara, vicino ai Messina Denaro (Castelvetrano, Trapani) rilevò al Giudice Borsellino che i Nirta, tramite i fratelli Giuseppe e Francesco, si accordarono per la vendita di armi per colpire il Giudice Giovanni Falcone, ucciso il 23 maggio 1992. <ref> Assassinato il padrino della ‘ndrangheta, Corriere della Sera, 20 marzo 1995 [http://archiviostorico.corriere.it/1995/marzo/20/Assassinato_padrino_della_ndrangheta_co_0_95032015407.shtml ] </ref> Gaspare Spatuzza, collaboratore di giustizia, in strettissimi rapporti con i fratelli Graviano di Brancaccio (Palermo) sostenne di essere a conoscenza di una vendita di armamenti da parte dei Nirta per un attentato (poi non realizzato) ai danni dell’ex Procuratore della Repubblica di Palermo Giancarlo Caselli. Spatuzza dichiarò ''''''Tramite la ‘ndrangheta, la cosca dei Nirta, abbiamo acquistato delle armi, due mitra, due machine-pistole ed un lanciamissili. Era un carico di armi per fare un attentato al procuratore Caselli''''''. <ref> Gaspare Spatuzza: missili terra aria contro Caselli, Crimeblog, 9 dicembre 2009 [http://www.crimeblog.it/post/3890/gaspare-spatuzza-missili-terra-aria-contro-caselli ] </ref>
=== Smaltimento dei rifiuti tossici ===
Il collaboratore di giustizia Francesco Fonti, sostenne che Peppe Nirta fu il promotore nel 1983 dell’apertura al ‘nuovo business’ dello smaltimento dei rifiuti tossici. L’attività coinvolse i principali gruppi della mafia calabrese. <ref> Parla un boss ‘’Così lo Stato pagava la ‘ndrangheta per smaltire i i rifiuti tossici’’, L’Espresso Repubblica, 9 giugno 2005 [http://espresso.repubblica.it/attualita/cronaca/2005/06/09/news/parla-un-boss-cosi-lo-stato-pagava-la-ndrangheta-per-smaltire-i-rifiuti-tossici-1.583 ] </ref>
=== Condizionamento degli appalti pubblici ===
=== Lazio ===
Nella capitale i Nirta estesero il loro potere tramite i Femia, ci sono riscontri giudiziari che riportano la presenza del clan sin dai primi anni settanta. <ref> Tradito dal denaro del riscatto, L’Unità, 16 febbraio 1974 [http://archiviostorico.unita.it/cgi-bin/highlightPdf.cgi?t=ebook&file=/archivio/uni_1974_02/19740216_0010.pdf&query=antonio%20femia ] </ref> Le attività erano riconducibili prima ai sequestri di persona, successivamente al traffico di sostanze stupefacenti e al riciclaggio attraverso attività commerciali. Il reggente era Antonio Femia, boss della Locride imputato di essere uno dei sequestratori di Paul Getty III. C'erano delle ipotesi secondo cui i Femia volevano sequestrare l'ex stella della Roma e della nazionale brasiliana Paulo Roberto Falcao. Antonio Femia venne arrestato il 17 gennaio 1994 dopo 9 mesi di latitanza. <ref> Il tramonto del boss, Corriere della Sera, 18 gennaio 1994 [http://archiviostorico.corriere.it/1994/gennaio/18/tramonto_del_boss_co_10_9401183097.shtml ] </ref>Il sanluchese Paolo Codispoti, cugino di Antonio Nirta ‘due nasi’, risultò organico ai ‘La Maggiore’. Come emerse nell’Operazione Ciaramella del 2005, il Codiposti da Roma coordinò le attività dei ‘La Maggiore’ sul narcotraffico in Sud-America, in strettissimi rapporti con i Morabito di Africo. Secondo le informative della Dda Paolo Codispoti fu il primo rappresentante della ‘ndrangheta nel territorio romano <ref> Ndrangheta: scarcerato il boss San Luchese Codispoti appartenente alla consorteria mafiosa dei Nirta "La Maggiore, Strill, 13 agosto 2010 " [http://www.strill.it/index.php?option=com_content&view=article&id=75822:ndrangheta-scarcerato-il-boss-san-luchese-codispoti-appartenente-alla-consorteria-mafiosa-dei-nirta-qla-maggioreq&catid=1:ultime&Itemid=291 ] </ref>Il 24 gennaio 2013 fu assassinato a Trigoria (Roma) il figlio di Antonio: Vincenzo Femia. Il presunto boss, originario di San Luca era il marito di Annunziata Nirta, la figlia del potentissimo boss Giuseppe ‘Peppe’ Nirta. <ref> ‘Ndrangheta, omicidio del boss Femia. Droga e sequestri, gli affari del clan, Paesesera, 25 gennaio 2013 [http://www.paesesera.it/Cronaca/Ndrangheta-omicidio-del-boss-Femia-Droga-e-sequestri-gli-affari-del-clan ] </ref>
=== Sardegna ===
Tramite l’Operazione ‘Santa Barbara’ emersero le attività degli Scalzone in Sardegna. Attraverso i rapporti criminalità locale i Nirta trafficavano stupefacenti tra le Province di Cagliari, Nuoro e Oristano. Secondo le forze dell’ordine attraverso i proventi della droga ''''“sicuramente […] investiti anche in noti complessi immobiliari turistici dell’isola’’.'' <ref> La ‘ndrangheta calabrese è sbarcata in Sardegna, Sardegna Oggi, 15 dicembre 2005 [http://www.archiviostampa.it/it/articoli/art.aspx?id=6921 ] </ref>
=== Valle D'Aosta ===
Riscontri giudiziari riportano le attività dei Nirta nella regione sin dai primi anni ’90. Il clan tramite Domenico Nirta dalla Colombia, il fratello Giuseppe Nirta e i nipoti Di Donato da Quart (limitrofo ad Aosta) hanno trafficato grossi quantitativi di sostanze stupefacenti. <ref> ‘Ndrangheta in Valle D’Aosta, 6 condanne per traffico di cocaina, Narcomafie, 22 novembre 2010 [http://www.narcomafie.it/2010/11/22/ndrangheta-in-valle-daosta-6-condanne-per-traffico-di-cocaina/ ] </ref> I Nirta insieme agli Iamonte di Melito di Porto Salvo avrebbero intessuto rapporti con il Movimento immigrati valdostani (Miv). <ref> Feste sospette per due politici valdostani, Repubblica, 9 settembre 1994 [http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1994/09/09/feste-sospette-per-due-politici-valdostani.html ] </ref> La cosca nel gennaio del 2014 ha subito una confisca dal valore di 1,2 milioni di euro, tra i sequestri risultano anche conti bancari depositati in Svizzera. <ref> 'Ndrangheta, confiscati immobili, garage e vigneti al clan Nirta, Il Mattino, 15 gennaio 2014 [http://www.ilmattino.it/CALABRIA/amp-39-ndrangheta-clan-nirta-reggio-calabria/notizie/451394.shtml ] </ref>
Secondo la Dna le diverse ‘ndrine operanti nel valdostano hanno puntato all’infiltrazione nei settori turistici.
== Note ==
<references/>
 
[[Categoria:'ndrine]]