Modifiche

Mafia a Lecco

1 372 byte aggiunti, 15:54, 3 apr 2016
{{espandere}}
 
La '''provincia di Lecco''' è considerata feudo dei [[Coco Trovato ('ndrina)|Coco Trovato]], la potente 'ndrina capeggiata da [[Franco Coco Trovato|Franco]], sopravvissuta alle diverse inchieste che dagli anni '90 hanno interessato il territorio (prima fra tutte [[Operazione Wall Street|Wall Street]], che prendeva il nome proprio dalla pizzeria-quartier generale del boss calabrese).
 
Coco Trovato arrivò a Lecco la prima volta nel 1967<ref>Portanova, Rossi, Stefanoni, p.202</ref>, come muratore, poi si dedicò a rapine in banche, supermercati e portavalori, fino a entrare nel giro dei sequestri di persona e nel traffico di stupefacenti. Alla fine degli anni '70 coltivò ottimi rapporti con Angelo Epaminonda e Gimmi Miano, il capo dei Cursoti milanesi.
 
Per quanto riguarda [[Cosa Nostra]], nel [[1975]] a Calolziocorte fu arrestato [[Gerlando Alberti]], boss di primo piano dell'organizzazione.
 
== Bibliografia ==
* Osservatorio sulla Criminalità Organizzata (CROSS), [http://www.cross.unimi.it/primo-rapporto-trimestrale-aree-settentrionali/ Primo Rapporto trimestrale sulle aree settentrionali], Università degli Studi di Milano, settembre 2014
* Mario Portanova, Giampiero Rossi, Franco Stefanoni, "[[Mafia a Milano|Mafia a Milano - Sessant'anni di affari e delitti]]", Milano, Melampo Editore, 2011
 
== Note ==
<references></references>
 
 
[[Categoria:Lombardia]]