Calogero Zucchetto

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.

Calogero Zucchetto, detto "Lillo" (Sutera, 3 febbraio 1955 – Palermo, 14 novembre 1982) è stato un poliziotto italiano, vittima di Cosa Nostra.

Calogero Zucchetto

Biografia

Figlio di un usciere della Regione Sicilia, entrò in polizia molto giovane, a 19 anni, e fu uno dei primi agenti di scorta del giudice Giovanni Falcone. Abile poliziotto nonostante la giovane età, nei primi anni ’80 entrò nella Squadra mobile di Palermo diretta da Ninni Cassarà, collaborando al rapporto "Michele Greco + 161" che stilava la compagine delle cosche mafiose uscite vittoriose dalla seconda guerra di mafia. Nel 1982, sempre insieme a Cassarà, durante uno dei loro consueti giri d'indagine, riuscì a sorprendere insieme tre boss del calibro di Pino Greco, Mario Prestifilippo e Salvatore Montalto: i primi due riuscirono o a fuggire, mentre Montalto, boss di Villabate, venne catturato in una successiva operazione di polizia sette mesi dopo.

Zucchetto era solito girare per le vie di Palermo a bordo del suo motorino "e si recava all'ottico sotto casa, prendeva un binocolo, e andava a cercare i latitanti"[1].

L'omicidio

Alle 21:30 della sera del 14 novembre, un commando composto da Mario Prestifilippo e Pino Greco attese Zucchetto in via Notarbartolo, fuori dal bar Collica di Palermo. Zucchetto fu ucciso da cinque colpi di pistola alla testa, all'età di 27 anni.

Indagini e Processi

Per l'omicidio di Zucchetto furono condannati Prestifilippo e Greco come esecutori materiali e Totò Riina e altri membri della Cupola di Cosa Nostra come mandanti.

Eredità

Dal 2012, il Comune di Sutera (che diede i natali a Zucchetto) e l'ASD Soter (la squadra di calcio del comune) hanno indetto il Premio di Poesia "Lillo Zucchetto".

Note

  1. Le Invasioni Barbariche, Pif "Palermo è stata abbandonata alla mafia per colpa di Andreotti", Intervista a Pif, 2 aprile 2014

Bibliografia