Natale Mondo

Da WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie.


Natale Mondo (Palermo, 21 ottobre 1952 – Palermo, 14 gennaio 1988) è stato un agente di Polizia italiano, ucciso dalla mafia.

Biografia

Si arruolò in Polizia nel 1972, iniziando a prestare servizio presso il reparto autonomo del Ministero dell'Interno, per poi approdare alla questura di Roma, a quella di Siracusa e, infine, a quella di Trapani, dove conobbe Ninni Cassarà, che lo volle tra i suoi uomini nella Squadra Mobile di Palermo. Da quel momento divenne per anni autista e braccio destro del vicequestore, partecipando a molte operazioni contro la mafia.

Il 6 agosto 1985 scampò miracolosamente all'attentato in cui persero la vita il vicequestore e l'agente di scorta Roberto Antiochia. Subito dopo venne accusato da un collaboratore di giustizia di essere alle dipendenze di Cosa Nostra e per questo fu arrestato con l'accusa di aver fornito gli spostamento di Cassarà il giorno dell'omicidio.

Tuttavia, in suo favore testimoniarono la vedova e altri agenti, confermando che Mondo si era infiltrato nella famiglia dell'Arenella sotto ordine dello stesso Cassarà. Per questo fu scarcerato, ma la rivelazione provocò la reazione della mafia.

L'omicidio

Il 14 gennaio fu crivellato di colpi mentre stava entrando nel negozio di giocattoli della moglie.

Indagini e processi

La Corte di Cassazione stabilì che ad uccidere Mondo furono Salvino Madonia e Agostino Marino Mannoia, condannandoli all'ergastolo. Sia Mannoia che un terzo killer (la cui identità non è stata accertata) scomparvero, probabilmente vittima di lupara bianca.

Gli fu conferita, postuma, per merito assoluto, la qualifica di assistente capo.

Bibliografia

  • Saverio Lodato, Quarant'anni di mafia, Milano, Bur, 2013