Confessione di un commissario di polizia al procuratore della Repubblica (film)

Da WikiMafia.
Jump to navigation Jump to search
Locandina del film "Confessione di un commissario di polizia al procuratore della Repubblica"
Damiano Damiani

CONFESSIONE DI UN COMMISSARIO DI POLIZIA AL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA

Anno: 1970

Genere: Drammatico

Durata: 106 min.

Regia: Damiano Damiani

Sceneggiatura: Damiano Damiani, Salvatore Laurani

Attori: Franco Nero, Martin Balsam, Marilù Tolo, Claudio Gora, Arturo Dominici,

Fotografia: Claudio Ragona

Montaggio: Antonio Siciliano

Musiche: Riz Ortolani

Produttore: Euro International Films; Explorer Film ’58

Distribuzione: Euro International Films – Domovideo

Paese: Italia

Trama

Il commissario di polizia Giacomo Bonavia e il sostituto procuratore della repubblica Traini sono impegnati, a Palermo, nella lotta contro la mafia e la criminalità. Mentre il primo, esasperato da dieci anni di insuccessi, si è ormai convinto dell'impossibilità di combattere la delinquenza organizzata siciliana secondo la prassi normale, il secondo, giovane e idealista, vede nella legge uno strumento inflessibile e non suscettibile di adattamenti a particolari situazioni. Deciso a punire a tutti i costi un potente capomafia, Ferdinando Lomunno, (che avvalendosi dell'amicizia di influenti personaggi politici è sempre riuscito a sottrarsi alla giusta condanna), Bonavia, dopo aver tentato inutilmente di farlo incriminare, provvede egli stesso ad eliminarlo. Tradotto in carcere, l'ex commissario è misteriosamente accoltellato a morte, mentre una preziosa testimone, Serena, che avrebbe potuto fornire elementi determinanti ai fini dell'inchiesta sulla mafia, viene soppressa. E' a questo punto che il sostituto procuratore Traini, il quale si era sempre opposto ai metodi poco ortodossi attuati da Bonavia, si rende conto di essere praticamente solo e di disporre di mezzi inadeguati per colpire un'organizzazione criminale ai cui vertici sono personalità potenti e insospettabili, probabilmente alcuni dei suoi stessi superiori.

Premi

  • Festival di Mosca nel 1971