Categoria:Legislazione antimafia italiana

Da WikiMafia.
Jump to navigation Jump to search

Storia della legislazione antimafia in Italia

La prima legge del sistema normativo italiano in materia di criminalità organizzata di stampo mafioso è la Legge 31-5-1965, n. 575.

Le disposizioni di questa legge sono state modificate ed integrate nel corso degli anni da numerosi interventi. Il testo di riferimento fondamentale attualmente è la L. n.646 del 13 settembre 1982, nota come Legge Rognoni - La Torre.

Leggi

Apparati repressivi

Sistema penitenziario

  • Istituzione dei “circuiti penitenziari” tra cui il regime detentivo di Alta Sicurezza – dopo le stragi di Falcone e Borsellino – tutt’ora in vigore per tutti gli appartenenti alla criminalità organizzata con la circolare ministeriale n. 3359/5809 del 21 aprile 1993. L’Alta Sicurezza però era già stata istituita ma quasi mai applicata con l’introduzione dell’art. 416 bis e 630 del C.P.
  • Art. 41-bis dell’Ord. Pen. È stato introdotto dalla legge n.663/1986, detta legge Gozzini. Introdusse anche l’art. 14-bis, ter e quater. Il secondo comma dell’art. 41-bis fu introdotto dall’art.19 del decreto legge n.306[1] dell'8 giugno 1992, convertito con modificazioni nella legge n.356 il 7 agosto 1992 e reso definitivo con la legge del 23 dicembre 2002 n.279.
  • Decreto legislativo 152/91 art. 1 poi convertito nella legge 203 del 1991 che istituisce l’articolo 41 bis dell’Ordinamento penitenziario – limiti di concessione dei benefici per reati di mafia e terrorismo. Successivamente modificato con il D.L. n.306 dell’8 giugno 1992.

Scioglimento dei Consigli Comunali per infiltrazione mafiosa

  • Decreto legge 164/1991 art.1, convertito nella legge 221/1991 (modificato con la legge 94/2009): istituisce la possibilità di sciogliere un consiglio comunale o provinciale per infiltrazione mafiosa, qualora emergano "concreti, univoci e rilevanti elementi su collegamenti diretti o indiretti con la criminalità di tipo mafioso o similare degli amministratori o se si registrano forme di condizionamento degli stessi, tali da determinare un'alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi ed amministrativi".

Pentitismo

  • Legge sui pentiti del 1991. Sistema di protezione mutuato dall’ordinamento statunitense.
  • Valutazione della prova. Art. 192 c.p.p. per il pentitismo . limite di 180 giorni per rendere dichiarazioni.

Altre leggi

  • Custodia cautelare specifica per i reati di mafia art. 275 comme 3 del c.p.p.
  • Per i reati di mafia non sono consentiti i riti alternativi. Art.444 c.p.p.
  • Protezione della circolazione dei verbali di prova e della discrezionalità del giudice (Art. 132 C.P.)


Note

Pagine nella categoria "Legislazione antimafia italiana"

Questa categoria contiene le 8 pagine indicate di seguito, su un totale di 8.