Valle - Lampada ('ndrina)

Da WikiMafia.
Jump to navigation Jump to search

I Valle - Lampada sono una 'ndrina originaria di Reggio Calabria e legata alla potente famiglia dei De Stefano. Operano dagli anni settanta sul territorio di Milano e province limitrofe come Bareggio e Cisliano. La 'ndrina aveva la propria base logistica nella proprietà “La Masseria” di Cisliano, situata in via Cusago n. 2, predisposta come bunker e munita di sofisticate apparecchiature di sicurezza (telecamere, sensori, impianti di allarme) in modo da impedire l‟accesso a terzi e di prevenire qualunque intrusione da parte delle forze di polizia. I Valle - Lampada risultarono particolarmente attivi nel campo dei delitti contro il patrimonio e la libertà individuale, in particolare, estorsioni, usure, abusivo esercizio di attività finanziaria, intestazione fittizia di beni, frodi attraverso l‟esercizio di videogiochi. Gestivano, direttamente e indirettamente numerose attività economiche, nel settore edilizio, immobiliare, della ristorazione ed erano particolarmente attivi nell'acquisizione di appalti privati.[1]

Secondo l'Operazione Infinito, il 23 maggio 2009 presso “La Masseria”, Bruno Longo, capo Locale di Corsico, organizzò una cena per appoggiare la candidatura di Leonardo Valle alle elezioni per il rinnovo del consiglio comunale di Cologno Monzese (MI). All’incontro erano presenti anche Pasquale Zappia e i più autorevoli rappresentanti delle locali di Milano, Cormano e Bresso.


Bibliografia

  • Giuseppe Gennari, Ordinanza di applicazione di misura cautelare personale e contestuale sequestro preventivo - Procedimento Penale n. 46229/08 R.G.N.R., Tribunale di Milano - Ufficio GIP, 22 giugno 2010.
  • Andrea Ghinetti, Ordinanza di applicazione coercitiva con mandato di cattura - Procedimento Penale n. 43733/06 R.G.N.R., Tribunale di Milano - Ufficio GIP, 5 luglio 2010

Note

  1. Giuseppe Gennari, Ordinanza di applicazione di misura cautelare personale e contestuale sequestro preventivo - Procedimento Penale n. 46229/08 R.G.N.R., Tribunale di Milano - Ufficio GIP, 22 giugno 2010, p.19